Alla fine della fiera


Dopo la mia pausa forzata, per i preparativi della festa di compleanno del piccolo Claudio, non vedevo l’ora di tornare per raccontarvi l’esperienza della mia prima fiera, un’esposizione di prodotti artigianali alla quale ho potuto prendere parte grazie alla disponibilità delle bravissime organizzatrici, Irene Evola e le altre. La fiera d’autunno è stata la mia prima fiera da artigiana. Inutile dire che 48 ore prima dell’inizio i muscoli mi cominciavano a irrigidire e sentivo di essere in ritardo su tutto. E in effetti, quando siamo arrivati lì (io e quel brav’uomo di mio marito che in altri casi mai al mondo avrebbe pensato di vivere una simile) il sostegno per l’unico espositore verticale ha deciso di suicidarsi, il tavolino era troppo piccolo, il tessuto troppo lungo e avevo dimenticato le pinzette per appendere gli addobbi natalizi al muro!!! Insomma un disastro, ma appena sono entrati i primi visitatori questa catastrofe si è trasformata in una esperienza meravigliosa, dove potevo guardare e osservare la gente, ascoltare loro giudizio, i loro pareri, e poi soprattutto sentire il calore degli amici che sono venuti solo per incoraggiarmi e farmi sentire la loro approvazione! Avevo provato spesso delle situazioni simili, quando allestivo le mostre per il dipartimento di design insieme a visiting professor, e avevo gioito per le esperienze da studentessa, ma a quasi 40 anni (manca circa un mese) mettersi in gioco in un settore un po’ diverso dal mio percepire il calore degli amici è stato una enorme iniezione di fiducia e positività.

GRAZIE


Crochet parure - orecchine e bracciale - verde acqua e perle -
ganci in argento 925 - Handmade with love Valeria

Post più popolari